25/08/10

Fantasmi americani

Le ossessioni di Paul Auster avvinghiano lentamente.  I suoi fantasmi sono parole e cose sempre troppo slegate o troppo legate a scarni significati, maschere, specchi, percorsi oscuri, gorghi mentali, vane strategie di ricerca di un'identità che gioca irrimediabilmente a rimpiattino, luoghi apparentemente familiari che diventano labirinti in cui smarrirsi prima di rendersi conto di aver percorso un solo passo. Palazzi, strade, vicoli, perfino muri, finestre, porte si chiudono in trappole mortali. L'immobilità si tramuta silenziosamente in una spirale senza uscita. Batte sempre il rintocco sordo e pesante della letteratura, l'ombra persecutoria ma anche irrinunciabile di poeti e scrittori, Milton, Melville in Città di vetro, Walt Whitman, Henry David Thoreau in Fantasmi. I protagonisti qui sono molte cose e nessuna, anche ombre di scrittori. La solitudine é così profonda da non rappresentare un ostacolo o una sofferenza, semplicemente rapporti umani o familiari sono impossibili, crudeli o fallimentari. Non so ancora dove e attraverso quali ribaltamenti repentini di situazioni sul filo della follia si cercherà Auster ne La stanza chiusa. Di certo il titolo anticipa eloquentemente quanto dovrò attraversare ancora di claustrofobico.



"E poi più importante di tutto: ricordare chi sono. Ricordare chi dovrei essere. Non credo che questo sia un gioco. D'altra parte, non c'é niente di chiaro. Per esempio: tu chi sei? E se pensi di saperlo, perché continui a mentire? Non ho risposta. Non posso dire altro che questo: ascoltami. Mi chiamo Paul Auster. Non é il mio vero nome."

Paul Auster, Trilogia di New York, Città di vetro.

4 commenti:

giacynta ha detto...

Bello Elena, grazie!

Elena ha detto...

Grazie a te Giacynta
Ciao

Anonimo ha detto...

Terribilmente angosciante per il senso di solitudine che articola in questi tre racconti. Almeno per me è stata una brutta esperienza.

jeff

Elena ha detto...

Il senso di restare intrappolati dentro spirali di solitudine, travestimenti e fughe illusorie é tangibile e resta appiccicato addosso a lungo. Maschere che nascondono e svelano.. L'angoscia che ne deriva é, come nei sogni, un'esperienza intensa e affascinante.
Ciao Jeff